STANDARDIZZARE I DATI

2018/09/12
Written by Yoann DORUSSE

STANDARDIZZARE I DATI

Elemento chiave per misurare l'impatto dei nostri investimenti

La capacità di dimostrare l’impatto degli investimenti è diventata cruciale per il nostro settore a causa delle alte aspettative dei clienti che desiderano che i loro risparmi abbiano effetti positivi sull’ambiente e la società in generale. Ma essa è anche una necessità per un gestore patrimoniale responsabile come BNP Paribas Asset Management (BNPP AM), che vuole andare oltre l’analisi ESG (Environmental, Social, and Governance – ambientale, sociale e di governance societaria) che copre tutti i nostri processi di gestione per misurare l’impatto degli investimenti in modo da gestirli ancora più efficacemente. Tale impatto è intrinsecamente indiretto e si manifesta attraverso gli investimenti che facciamo per conto di clienti e aziende, stati nazionali e/o progetti, e di conseguenza il nostro lavoro dipende dalle informazioni disponibili su queste entità e i loro potenziali effetti, positivi o negativi sull’ambiente e la società.

Il livello di analisi ESG è diventato sempre più professionale nel corso degli anni e oggi è molto sofisticato. Di conseguenza, siamo ora più esigenti e ambiziosi nel nostro approccio ESG. Questo richiede più dati e più informazioni, così come una qualità superiore di entrambi, che sta migliorando grazie all’impulso fornito da investitori, organizzazioni non governative e alcuni enti regolatori, che hanno introdotto la pubblicazione obbligatoria di questi dati. La disponibilità e la qualità dei dati non sono però ancora soddisfacenti. Uno dei maggiori problemi è la mancanza di coerenza. L’ambito, la definizione, la minuziosità dei dati e le informazioni sono spesso assenti, incompleti o semplicemente errati. Tutto ciò rende l’analisi imperfetta, tanto che il calcolo dell’impatto può, a volte, diventare superficiale.

STANDARD DI MERCATO

C’è un utile esempio che illustra questi difetti. Una delle aspettative che accompagnano i green bond, il cui scopo è esclusivamente quello di fornire finanziamenti per progetti “green”, riguarda la pubblicazione degli indicatori di impatto. L’indicatore preferito dagli investitori è relativo al volume delle emissioni evitate grazie al progetto. Attualmente non esiste uno standard di mercato per quanto riguarda il modo in cui vengono calcolate le emissioni evitate. Poiché le ipotesi alla base di questo calcolo hanno un impatto enorme sul risultato, questo di per sé ha scarsa rilevanza con la conseguenza che ogni emittente è libero di calcolare le cosiddette “non emissioni” come desidera. Quindi un generatore di energia e un’agenzia sovranazionale che finanziano lo stesso progetto possono rilasciare cifre completamente diverse per il volume delle emissioni evitate semplicemente perché non usano lo stesso modello di calcolo o di confronto.
Con il sostegno della politica pubblica e gli impegni volontari assunti dalla nostra stessa industria attraverso coalizioni e iniziative di impegno collettivo, la disponibilità e la qualità dei dati ESG, così come della valutazione degli impatti, dovrebbero migliorare rapidamente e raggiungere la standardizzazione.

“La disponibilità e la qualità dei dati ESG dovrebbero migliorare e raggiungere la standardizzazione rapidamente.”

Le nostre tematiche SRI

I NOSTRI ULTIMI ARTICOLI